SERIE A1. La Banca Valsabbina non graffia, l'Unet E-work vola 3-0

BUSTO ARSIZIO (VA). Derby lombardi sfortunati per la Banca Valsabbina, che dopo i ko di Bergamo e contro Casalmaggiore, è sconfitta nell’anticipo della ventiduesima giornata della Samsung Volley Cup, al PalaYamamay

Di Redazione | Domenica, 03 Marzo 2019 09:58

 


Le bresciano pagano una battuta mai ficcante e un attacco spento, oltre ai meriti delle padrone di casa, che hanno interpretato a pieno il match. Al termine della gara l’attaccante biancorossa Grobelna è stata premiata Mvp, contornata da una prestazione maiuscola di Herbots, una vera spina nel fianco per la difesa bresciana, e un'invalicabile Leonardi, protagonista di alcuni recuperi incredibili fra cui forse la difesa più bella dell'anno. Sul fronte bresciano da segnalare le prove di Rivero (12 punti con il 48%) e Villani (10). Busto Arsizio scende in campo con Orro e Grobelna a formare la diagonale, Bonifacio e Berti centrali, GennariHerbots in posto 4, Leonardi libero. Il 6+1 di coach Mazzola, orfano di Washington che ha rimediato una distorsione alla caviglia destra, è con Nicoletti opposta a Di Iulio, capitan Veglia e Miniuk centrali, Villani e Rivero schiacciatrici e Parlangeli a difendere la seconda linea.

 

Busto cinica

Nel primo set l'avvio è equilibrato (4-4), la Banca Valsabbina ottiene il primo break sfruttando la potenza di Rivero e il muro di Di Iulio (5-7). La UYBA pareggia presto grazie al muro di Berti (7-7), e poi mette la freccia 10-8. Fino a quel momento, un'ottima Millenium rallenta e Nicoletti sbaglia per l'11-8 e induce Mazzola al time-out, la sosta non serve al team bresciano che subisce le iniziative offensive delle padrone di casa (18-12). Villani a muro tenta il recupero (18-14), cui seguono due punti consecutivi di Veglia (23-18), ma Herbots è inarrestabile. L’Unet E-work è cinica e chiude presto con Bonifacio, grazie ad un muro che vale il 25-18.

 

Difese impossibili

Secondo parziale equilibrato (7-7) con Brescia che risponde bene colpo su colpo, esprimendo un buon livello di gioco. Busto Arsizio prova l’allungo, la Banca Valsabbina risponde con Nicoletti (13-13). Berti e Gennari provano siglano il più 2 (15-13), Veglia e compagne non mollano (18-16 Rivero, 20-18 Villani); dentro anche Norgini, Manig e Bartesaghi. Le bustocche mostrano però i muscoli ed esprimono le loro migliori qualità, Gennari realizza il 23-19, Leonardi difende l'impossibile, preludio al 25-20 finale.

 

Terzo ko consecutivo

Avanti di due set l’Unet E-work vola sull’entusiasmo mettendo in difficoltà la Banca Valsabbina (4-0, 7-2). Mazzola chiama il tempo e qualcosa sembra cambiare: Nicoletti griffa il 12-9 e Veglia il 14-11. L’opposta bustocca Grobelna picchia forte il 17-14, l’Unet E-work prende in mano le redini del set: 19-14. Dentro Biava per Villani. Il livello della battuta bresciana non mette in difficoltà le farfalle e Herbots griffa la fine della contesa. Terzo ko consecutivo che rischia di infrangere il sogno play off per le Leonesse, in attesa delle altre gare. La Banca Valsabbina è pronta a ritornare a vincere (il successo manca dallo scorso 27 gennaio) nel prossimo incontro quando domenica 10 marzo (ore 17) al PalaGeorge di Montichiari arriverà la Saugella Monza.

 

Unet E-Work Busto Arsizio - Banca Valsabbina Millenium Brescia 3-0 (25-18, 25-20, 25-18)

 

Unet E-Work Busto Arsizio: Piani ne, Peruzzo ne, Herbots 16, Grobelna 12, Gennari 9, Cumino ne, Orro 4, Leonardi (L), Bonifacio 6, Meijners ne, Berti 5, Samadan, Botezat. Allenatore: Mencarelli. Assistente: Musso.

 

Banca Valsabbina Millenium Brescia: Biava 3, Rivero 12, Norgini, Manig, Di Iulio 2, Pietersen ne, Villani 10, Parlangeli (L), Bartesaghi, Nicoletti 9, Veglia 6, Miniuk 3. Allenatore: Mazzola. Assistente: Zanelli.

 


Servizio a cura di Romano Lombardi


RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù