SERIE A1. Banca Valsabbina: 500 punti in carriera e la carica di capitan Tiziana Veglia

BRESCIA. Ogni squadra come un veliero ha il suo capitano. La Banca Valsabbina sulle ali dell'entusiasmo di una brezza di Ponente sta navigando nelle acque, a volte, torbide della serie A1 italiana

Di Redazione | Venerdì, 23 Novembre 2018 19:04

 La concentrazione di Tiziana Veglia (foto © Molaschi)

 



Al momento le miglie marine attraversate  della matricola terribile in un campionato Pacifico come il grande Oceano sono sei, Tiziana Veglia guarda gli specchietti retrovisori del passato con un'attenzione particolare all'orizzonte della Banca Valsabbina. "Sono molto contenta per come stiamo giocando - spiega la centrale piemontese -. Rispetto al precampionato si sono viste cose migliori da parte nostra. Sappiamo che più avanti non sarà facile e sappiamo faremo fatica come è normale per una squadra neopromossa con tante esordienti. Sono contenta del gruppo, per come stiamo in campo ed anche l'atteggiamento: gara per gara dobbiamo avere la testa libera. Non abbiamo nulla da perdere e non abbiamo paura di essere all'altezza di squadre più blasonate".

Carattere ed entusiasmo

Turno di meritato riposo e a seguire una girandola di impegni che chiuderanno il girone d'andata ed un anno solare 2018, ricco di soddisfazioni e che resterà impresso nella memoria del cuore di Tiziana e compagne. "Stiamo giocando con tranquillità - puntualizza -. Per come stavamo fisicamente contro Cuneo è stato un punto guadagnato e due punti persi per il resto siamo in linea salvezza. Al PalaGeorge daremo fastidio a tutti, il livello contro le big sarà alto ma lo affronteremo con serenità e senza pressione. Punteremo sull'entuasiasmo e sul carattere". Capitan Veglia e compagne ne hanno da vendere.

Capitano

Ereditata la fascia da Vittoria Prandi, Tiziana, nominata capitano il giorno del suo compleanno (13 settembre), si è calata subito nel ruolo, collante tra squadra, staff tecnico e  dirigenza sia nei momenti gioiosi sia in quelli più difficili. "Un ruolo - confessa - che non ho mai svolto. Le responsabilità ci sono  ma le prendo volentieri . Essere il capitano dopo la scorsa stagione mi ha reso sono onorata di questo ruolo".

Il pubblico

Seconda stagione a Brescia e seconda stagione dove è protagonista sul tarafkex del PalaGeorge di Montichiari, uno tra i templi del volley italiano. "Sono molto contenta del pubblico - analizza -. Un pubblico che si spinge, la nostra piccola curva di tifosi si sente,sono pochi ma ma rumorosi per noi è molto importante. Ci fa piacere li ringrazio perchè ci mettono il cuore, soprattutto, le giovani atlete sono sempre presenti e non mancano mai per un foto ed un saluto".

Salto di qualità

Prima stagione da titolare in A1 ed un traguardo personale raggiunto, grazie al lavoro ed alla passione di una ragazza di ventisei anni che ho voglia di stupire ancora: i 500 punti oltreopassati dopo la gara con Bergamo. "Non lo sapevo - spiega -. M rende orgoliosa e soddsfatta della lavoro fatto in questi  ultimi due anni dove ho fatto il salto di qualità e dove posso stare in una categoria come la A1".

Colpo di testa

Negli attacchi, otto, con i quali ha tagliato il suo prestigioso traguardo ve ne è stato uno particolare nel quarto set, realizzato di testa come i migliori colpitori al mondo del calcio. "Se ci penso non mi capacito per come ci sono riuscita. L'attacconte non ha chiuso tanto il colpo, io esco di fronte e la mia tecnica di muro non è stata impeccabile e ha rimbalzato sulla mia testa Nell'amichevole con il Club Italia ne ho fatto un altro - conclude -, inizierò ad allenare il colpo (e ride)". Carisma, entusiasmo e cuore per Tiziana Veglia e buona navigazione Capitano della Banca Valsabbina.


RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù