SERIE B1. Mercato: Francesca Gentili, la 'Torre di Bolzano' giocherà per l'Abo

OFFANENGO (CR). La “torre” di Bolzano – classe 1990 e con esperienze in A2 e A1 – si aggiunge a Lisa Cheli e completa il reparto nel cuore della rete. “Sposo un progetto ambizioso”

Di Redazione | Mercoledì, 13 Giugno 2018 09:47

In copertina Francesca Gentili

 


Un secondo colpo di mercato di assoluto spessore che al contempo permette di chiudere il primo reparto del nuovo roster. L’Abo blinda il parco-centrali con l’arrivo di Francesca Gentili, classe 1990 proveniente dal Bedizzole Volley, formazione di B1 inserita nel girone B e che ha sfidato le neroverdi cremasche nel Trofeo Taverna di inizio stagione. La bionda giocatrice bolzanina metterà la propria esperienza, unitamente alle doti tecniche e fisiche,  al servizio della formazione cremasca, che sta confermando con i fatti sul mercato la volontà di puntare a un campionato di vertice nella terza serie nazionale femminile.  Il suo arrivo si aggiunge a quello di Lisa Cheli e completa il reparto dei centrali dopo la conferma della giovane Stefania Russo (2001).

 

Serie A

Nata il 28 marzo 1990 a Bolzano e, dopo essere maturata al Club Italia e alla Teodora Ravenna in B1, Francesca Gentili ha debuttato in A2 nella stagione 2008-2009 con la Magic Pack Esperia Cremona, poi il biennio a Verona, sempre in A2, dove ha incrociato le strade di coach Giorgio Nibbio (vice allenatore nella stagione 2010-2011) e del direttore sportivo  Stefano Condina, che ora ritroverà a Offanengo. L’annata pallavolistica 2011-2012 ha segnato l’esordio nella massima serie con la maglia di Urbino, società marchigiana dove Francesca ha militato anche nella stagione successiva.Nel 2013-2014, ha sfatato il proverbio “nessuno è profeta in patria” giocando in A2 a Bolzano in un roster che comprendeva Noemi Porzio, ora nuovamente sua compagna di squadra a Offanengo. Nelle stagioni in serie A Francesca Gentili ha collezzionato 146 gare a referto, 397 set 593 palloni messi a terra,

Trionfo Europeo

Infine, un quadriennio in B1, suddiviso tra i due anni all’Idea Volley Bologna e tra le esperienze di Albese con Cassano (2016-2017) e Bedizzole, sodalizio bresciano dove ha militato nella scorsa stagione ricoprendo anche i gradi di capitano. In carriera, la Gentili vanta anche la medaglia d’oro con l’Italia al campionato Europeo Juniores, vinto a Foligno con coach Marco Mencarelli, nel 2008. Desiderosa di riscattare le ultime stagioni di alterne fortune l'ex azzurrina ha deciso di scommettere sulle ambizioni dell'Abo Offanengo.

 

Squadra forte

“A Offanengo – sono le parole della centrale di Bolzano – c’è un progetto ambizioso e ritrovo Noemi Porzio, che stimo tantissimo e che mi ha parlato bene di questa realtà. Ritroverò anche il ds Condina e coach Nibbio, conosciuti a Verona, e qui ci sono le ambizioni per provare a costruire una squadra forte. Come caratteristiche, sono una centrale che ha come punto di forza l’attacco e cercherò di dare il mio contributo unitamente a esperienza e voglia di vincere. Le ambizioni dell’Abo hanno inciso positivamente sulla mia scelta di sposare la causa di Offanengo”.

 

Ragazza solare

“Francesca – spiega il direttore sportivo dell’Abo Stefano Condina – è una giocatrice che ho avuto la fortuna di avere al mio primo anno in serie A a Verona e della quale ho sempre apprezzato, oltre ovviamente alle doti tecniche e atletiche, la sua grande predisposizione al lavoro in palestra e la solarità. A Offanengo arriva dopo tanti anni di serie A e B, dove ogni stagione è cresciuta e ha fatto molto bene. L’accordo è stato semplice: entrambi vogliamo vincere e quindi inseguiremo insieme lo stesso obiettivo, consapevoli che ci sarà tanto da lavorare, ma sicuramente anche tanto divertimento nel farlo”.

 

Curiosità

Francesca Gentili che in passata ha già giocato al PalaCoim, prima con due Cremona nella stagione in A2, eda avversaria la Taverna 2017 non è la prima giocatrice proveniente dal Trentino Alto Adide che vestirà la maglia dell'Abo Offanengo. La prima è stata la coscritta Francesca Fontanari nella magica stagione 2016-17. Stesso nome, stessa regione di nasciate ci sarà lo stesso nrisultato. In attesa di nuove emozioni pallavolistiche lo scopriremo solo vivendo.


 

RIPRODUZIONE RISERVATA di testi e foto

Tiramisù